fbpx

Ti chiedi come rimanere motivato se i risultati non arrivano? Ti capita di pensare che non vale la pena di impegnarsi tanto e stare così attento a tavola se i risultati stentano ad arrivare?

Probabilmente sei deluso.

Hai la sensazione che non stai raccogliendo il giusto risultato per i tuoi sforzi giornalieri. Ti senti stanco di combattere e il danno minore sembra quasi il ritorno a ciò da cui cerchi di fuggire da settimane. Non sai come rimanere motivato se i risultati non arrivano e pensi ormai non arriveranno mai.

È giusto che tu sappia immediatamente la cosa più importante. 

CAPITA A TUTTI

Questo articolo serve proprio a dirti chiaramente che capita a tutti noi, sia nell’ambito degli allenamenti o di una dieta, così come in famiglia o al lavoro. È del tutto naturale che la paura di fallire generi i segnali proprio del fallimenti, inducendoci a demordere. 

Sai cosa fa davvero la differenza? Il modo in cui gestisci questo sentimento, il modo in cui parli a te stesso quando avanza questo stato d’animo. Ecco ciò che separa coloro che raggiungono i loro obiettivi da quelli che non ce la fanno mai.

Prima di rinunciare, considera il fatto che il successo potrebbe essere proprio dietro quell’angolo a cui sei fermo da un po’ e potrebbe essere sufficiente anche solo un pizzico di motivazione o slancio in più.

Bisogna trovare subito un input che solidifichi i motivi per cui ti alleni e persegui uno stile di vita sano. E potrebbe bastare davvero pochissimo per fare la differenza tra fermarsi e proseguire. 

Una frase, un consiglio, il contributo di chi prima di te ce l’ha fatta. Un esempio virtuoso può condizionare la tua forza di volontà. Ecco 5 spunti di riflessione su come rimanere motivato se i risultati non arrivano.

FORZA DI VOLONTÁ

 “La forza non viene dalla capacità fisica ma da una volontà indomita ”

Ghandi

Sei mai entrato a lezione in palestra sentendoti come un pesce fuor d’acqua?

Non è raro che accada, soprattutto se sei fermo da un po’ o se intorno a te vedi gente più in forma. Li vedi affrontare con determinazione le ripetizioni, mentre tu boccheggi aspettando che si esaurisca il timer. Senti il desiderio di “sbagliare” il conto delle ripetizioni, lo fai sapendo che non dovresti ma convinto sia necessario per sopravvivere.

Qual è la differenza tra te e loro?

Tu non puoi sapere per ognuno di loro quale sia il percorso che li ha portati ad essere così in forma, quali sacrifici e quanto impegno hanno dovuto spendere. Questo non li rende migliori di te, ma rende te migliore. Vuol dire che il tuo successo è lì di fronte a te. Devi solo mettere in gioco tutta la tua forza di volontà, per superare la fatica. Nnn fare appello alla forza, confida nella determinazione.
Sai cosa ripetono ai Marines americani durante l’addestramento? Che quando sono allo stremo delle forze in realtà sono al 4% del loro potenziale. 

Immediatamente si materializza l’immagine di avere un margine energetico del 96% e la fatica si fa meno pressante. Funziona, perchè è la verità. Il meglio di noi sta nella testa, non nei muscoli.

PRESSIONE

“L’allenamento ci offre uno sfogo all’energia repressa e generata dallo stress e tonifica lo spirito così come l’esercizio fisico condiziona il corpo”

Arnold Schwarzenegger

Alle volte pensi di rinunciare all’allenamento quotidiano. Non lo fai certo perchè sei stanco, bensì perchè ti senti stressato. Il lavoro, le scadenze, qualche insuccesso nella vita privata, ti tolgono il desiderio di allenarti. Ma in tutto questo la forza fisica non c’entra nulla. La motivazione non passa dai muscoli ma dal giusto mindset.

È proprio quello il momento più importante per non mollare. Quando ti allenerai con uno stato d’animo così negativo, dimostrerai al tuo corpo e alla tua mente che sei molto più forte di quanto riesci a pensare in quei momenti. Ed è solo sotto la doccia , dopo l’allenamento, che proverai un senso di potenza inebriante. Merito dell’adrenalina e delle endorfine prodotte durante l’attività.

Allenati proprio quando sei più stressato, questo abbasserà i livelli di cortisolo (l’ormone dello stress) e ti sentirai subito più positivo. 

MINDSET 

“Il tuo corpo può sopportare quasi tutto. È la tua mente che devi convincere.”

Creare e alimentare una buona abitudine può essere difficile. Mentre la parte razionale della tua mente sa che i risultati arriveranno solo rispettando la routine d’allenamento, la parte emotiva tenderà a giustificare lo sgarro che male non dovrebbe fare, non troppo almeno. 

Questa altalena mentale non c’entra nulla con la stanchezza, la forza o la motivazione. È naturale ed è il risultato del modo in cui negli anni ti sei “formato” nell’affrontare gli impegni. Si tratta solo di riprogrammare il cervello e assettarlo su un mindset corretto.

Non è questione di motivazione ma di comunicazione. Mai sentito parlare di PNL? 

Sai cosa può aiutarti? Un po’ di meditazione, un’attività fisica meno intensa e più legata alla respirazione. Prenditi il tuo tempo per mettere in fila i pensieri nel modo giusto.

ONESTÁ

“Il fitness è come una relazione. Non puoi imbrogliare e aspettarti che funzioni “.

Sii sincero con te stesso. Devi creare una relazione positiva con i tuoi allenamenti, basata sulla sincerità reciproca. 

Prova a immaginare il rapporto tra te e lo stile di vita virtuoso che desideri ma che ti mette spesso in crisi, come il rapporto con un partner. Se mentirai, se cercherai soluzioni alternative e sotterfugi, saltando gli allenamenti o imbrogliando a tavola, metterai a repentaglio il tuo rapporto e potresti vivere male questa relazione.

Rendi invece il rapporto sostenibile e non una privazione costante. 

Invece di tradire i tuoi obiettivi prova a renderli più fattibili.

Un esempio concreto? Non serve andare in palestra tutti i giorni e “fingere” di allenarsi duramente. Riduci le volte in cui vai in palestra – diminuendo lo stress di organizzare i tuoi impegni generali – ma scegli le lezioni più giuste e l’intensità suggerita da un trainer professionista. Un HIIT, ovvero un allenamento a intensità variabile, può durare anche solo 15 minuti e offrirti esattamente il dispendio energetico di cui hai bisogno. 

ENTUSIASMO

“Lavora sodo in silenzio. Lascia che il successo sia il tuo rumore. ”

Frank Ocean

Quando iniziamo la dieta o riprendiamo ad allenarci dopo un lungo stop, sentiamo scorrerci dentro uno strana euforia che ci induce a raccontare a tutti dei nostri nuovi programmi e motivazioni. Ci aspettiamo che la notizia susciti interesse e pari euforia e invece la maggior parte delle volte ci scontriamo contro l’indifferenza o, peggio, la sfiducia degli altri. 

Può essere altamente demotivante scoprire che le persone che pensavamo ci avrebbero sostenuto sono pronte a seminare il dubbio del fallimento, forti delle loro esperienze negative.

Per questo ti suggerisco di veicolare quell’entusiasmo che senti verso l’attività, non verso le persone. Condividilo con quelle persone che come te stanno vivendo un percorso virtuoso e non con chi potrebbe non condividere le tue restrizioni alimentari o lamentarsi del fatto che la palestra ti toglie del tempo che potresti trascorrere con loro.

Roma non è stata costruita in un giorno, ma per tirarla su devono averci lavorato ogni giorno per parecchi giorni, non sei d’accordo? 

Questo vuol dire che il tuo percorso non sarà breve, e sarà tanto più lungo quanto più tempo avrai esitato prima di iniziare. 

Se saprai attendere i risultati e goderti il viaggio, se capirai che non si perde peso in maniera lineare e velocemente ma che il corpo ha bisogno di passare attraverso dei cicli, alti e bassi e variazioni di ritmo, se saprai spingerti ogni giorno un po’ di più oltre i limiti che credi di avere, i risultati tarderanno ad arrivare forse…  ma arriveranno senza alcun dubbio.

Adesso hai qualche spunto utile su come rimanere motivato se i risultati non arrivano. Fanne tesoro!