fbpx

Spesso sentiamo utilizzare espressioni come “fisico a pera/ fisico a mela”. Ti sarai chiesto cosa indicassero e se avessero una qualche valenza scientifica.

Quando si parla di conformazione fisica si fa riferimento generalmente ai biotipi.

Ognuno di noi riceve in eredità una costituzione, parte del patrimonio genetico tramandato da genitori e antenati.

La costituzione indica ciò che siamo.

Ad ogni costituzione appartiene una “predisposizione“. Questa invece ci dice come potremmo essere.

Esistono 2 principali Biotipi.

Biotipo GINOIDE 

Classico fisico a forma di “pera”

Il grasso sottocutaneo si distribuisce principalmente su fianchi, glutei, cosce e nella zona sotto ombelicale dell’addome.

Biotipo ANDROIDE

Tipico fisico a “mela” 

il grasso si accumula per lo più nella zona addominale e sulla parte superiore del corpo. 

DISTINZIONI

Si riscontra il biotipo androide maggiormente tra gli uomini, quello ginoide tra le donne,  distinzione che si lega principalmente ad una questione ormonale, seppure non universale. 

Conoscere a quale biotipo apparteniamo ci può guidare sia nell’alimentazione che nell’allenamento, tanto per perseguire la miglior salute possibile quanto per ottimizzare i risultati.  

Un soggetto ginoide ad esempio è più predisposto a patologie osteoarticolari, vascolari e venose.

L’androide invece, visto che il tessuto adiposo è concentrato sulla parte superiore può essere più sensibile del primo alle patologie cardiovascolari.

COME RICONOSCERLI

I due biotipi sono facilmente riconoscibili, ma ci sono semplici test che possono fornire una risposta certa, come la pliconometria.

Un metodo più semplice (casalingo) eseguibile  da tutti, è il calcolo del rapporto circonferenze di VITA e FIANCHI.

▪Circonferenza vita: Fai passare il metro a fettuccina proprio sull’ombellico.

▪Circonferenza fianchi: Fai passare il metro nel punto più largo.

CIRCONFERENZA VITA / CIRCONFERENZA FIANCHI = X

Risultato uomo:

• UOMO > 0,91 ANDROIDE

• UOMO < 0,91 GINOIDE

Risultato donna:

• DONNA> 0,81 ANDROIDE

• DONNA< 0,81 GINOIDE 

Nell’allenamento conoscere il proprio biotipo serve a migliorare la propria forma fisica. 

Un buon personal trainer che tiene conto di questa differenza, saprà selezionare esercizi più efficaci per l’uno o per l’altro biotipo, o anche interi work out mirati, per esaltare le specificità e i punti di forza naturali. 

 

 

 

A cura di Maria T. 

 

COMPI IL PRIMO PASSO VERSO UNA PRESA DI COSCIENZA
CHE TI CONDURRÀ AD UNA VERSIONE MIGLIORE DI TE

Richiedi un appuntamento per scoprire di più sul nostro programma di inserimento, ideato per consentire un avvicinamento graduale ma efficace allo sport, senza infortuni e con il 100% di conferme su oltre 800 utenti.

COSA OTTIENI COMPILANDO IL FORM

b

Farai il passo più faticoso. Il primo passo.
Prenderai un impegno con te stesso ma senza alcun vincolo di abbonamento a lungo termine.
Ti aiuteremo a fare il focus sulle tue reali esigenze e i motivi per cui dovresti fare sport regolarmente. Ti guideremo in una presa di coscienza riguardo all’importanza di dedicare del tempo a te e solo a te.

L’unica cosa in cui ti impegni compilando la richiesta sarà incontrarci per parlare un po’ di te, e liberarti finalmente dai dubbi riguardo alla tua capacità di prenderti questo impegno. E ti sentirai di aver fatto già qualcosa di importante.

DICONO DI NOI


Il pass ospite è davvero un’ottima idea.

Serve a creare un contatto con la palestra senza che ci si senta impegnati. Ho avuto modo di conoscere istruttori e discipline e di capire giorno dopo giorno se fosse davvero ciò che volevo.
Ben presto la sensazione che non sia impegnativo lascia spazio al desiderio di non mancare mai, finchè non si riesce più a farne a meno.

> ARTURO G.

DICONO DI NOI


Se ripenso a quante volte ho sottoscritto abbonamenti in palestra per poi smettere di frequentare dopo qualche settimana! Annuali su annuali, attratta da offerte convenienti, per poi scoprire che i corsi non facevano per me o non ero a mio agio con gli altri clienti.

Per me Happy Gym è stata una sorpresa sotto ogni punto di vista. Soprattutto per la mia applicazione verso lo sport. Non lo avrei mai creduto possibile!

> VALERIA S.

DICONO DI NOI


Quando mi hanno proposto il periodo di prova strutturato su due settimane ho capito immediatamente la differenza tra Happy Gym e altre palestre. Per la prima volta non mi hanno parlato di offerte, convenienza, “approfittane!”.

Mi hanno invitato a scoprire più possibile dell’organizzazione, del palinsesto e delle persone, prima di impegnarmi in qualsiasi forma di abbonamento. Neanche per un attimo mi sono sentita sotto pressione.

> MARTINA B.

DICONO DI NOI


In passato ho provato parecchie palestre e circoli, approfittando della prova gratuita. Puntualmente non tornavo. Oggi so perchè. Non basta un giorno per valutare un ambiente fatto di tante cose, tutte importanti. Probabilmente oggi darei una possibilità in più anche ad altre palestre che ho abbandonato. Peccato che non credo che lascerò mai la mia Happy Gym!!

> LUCA D.

DICONO DI NOI


Non avevo ancora trovato un posto che avesse a cuore le mie esigenze. Soprattutto non avevo ancora trovato un posto che non mi proponesse il solito scontato annuale.

Qui hanno voluto sapere tutto di me, abitudini giornalieri, famiglia, hobby, lavoro, gusti e abitudini alimentari ed esperienze sportive passate. Mi hanno messo alla prova, mi hanno “smontato” parecchie convinzioni sulle mie capacità ma senza mai mettermi a disagio e mi hanno portato al livello degli altri utenti in poche settimane.
Mai vista così tanta cura verso una persona al suo primo giorno. Mi hanno affidato ad un tutor che ha lavorato solo con me per oltre un’ora. Il periodo di prova intero mi ha permesso di inserirmi senza infortuni e senza vergogne.

> Alessia C.

DICONO DI NOI


Questo metodo che non avevo mai visto da nessun’altra parte all’inizio mi ha fatto storcere il naso.
Venivo da un’altra palestra, sapevo esattamente cosa volevo fare. Almeno così credevo. Ho deciso di dargli una possibilità e mi hanno fatto ricredere fin dal primo allenamento.
Ho capito l’importanza di un percorso così. Impedisce l’ingresso ai perditempo e rende l’ambiente e le lezioni esperienze gradevoli. Non esiste sovraffollamento e il clima è splendido.

> Paola A.

IL PRIMO ALLENAMENTO È IL PIÙ DIFFICILE

Richiede volontà prima, sforzo poi. Ma quando lo avrai terminato comincerai a percepirne i benefici.

Nelle ore subito seguenti l’allenamento sentirai nuova energia e un pizzico di adrenalina che ti daranno forza, la notte sarà caratterizzata da un sonno profondo e ristoratore.

Nei giorni a seguire invece potresti patire qualche dolore muscolare, tipico di un allenamento eseguito dopo un lungo stop. Nulla di cui preoccuparsi, tutt’altro. Saranno il segnale che hai rimesso in moto gli ingranaggi e che sei sulla strada giusta. I tuoi muscoli e tutto il corpo te ne saranno grati.

Dopo il secondo, il terzo e il quarto allenamento, ti renderai conto che i risultati sono già sotto gli occhi di tutti, o allo specchio. Buonumore, sorriso, energia nuova per affrontare lavoro e famiglia, reattività e maggiore resistenza agli allenamenti.

A quel punto non avrai più ripensamenti.

Compila adesso il modulo in basso è avrai compiuto il primo passo per dire addio alla pigrizia che ti ha frenato fino ad oggi.
Inizia adesso il tuo cambiamento, per diventare una versione migliore di te.

RICHIEDI ADESSO
UN APPUNTAMENTO

7
* campo obbligatorio